Italiano
+38 068 889 89 89
00380689869898 (汉语)
00380930552240 (باللغة العربية)
00380930552240 (باللغة العربية)
+38 068 889 89 89
Formulario informativo

Our licences

Testimonianza del paziente N. affetto da morbo di Parkinson, dopo il trattamento con cellule staminali

Paziente: N.N.
Età: 62
Sesso: maschile
Paese: Russia
Diagnosi: morbo di Parkinson
Data del trattamento: dicembre 2009

Il paziente N. che soffre di morbo di Parkinson, è stato trattato con cellule staminali nella clinica "EmCell". Immediatamente al suo ritorno a casa ha notato cambiamenti positivi nel suo stato che vengono riportati di seguito:

"Le cellule staminali sono un miracolo" - ho sentito da N. -. "La debolezza della gamba è quasi andata via, posso girare liberamente, posso tranquillamente muovermi di fianco - in precedenza non vi riuscivo per niente! Ho oltrepassato le borse gettate in giro, cioè è sparita la goffaggine!

Prima, non potevo guardarmi intorno camminando, neanche parlare, e nel viaggio di ritorno l’ho fatto facilmente. Quasi ho cessato di bandare deambulando.
Trascino un po’ la gamba, ma molto di meno."

Questo monologo, io l’ho  fermato e chiesto di ripetere di nuovo per fissarlo letteralmente.

Quindi, siamo tornati a casa felicemente e senza problemi. Per farlo, abbiamo preso la metropolitana senza nessuna complicazione o difficoltà. A casa, sono addirittura andata in tilt per un paio di ore, e svegliandomi, ho sentito ciò che è scritto sopra.

Poi N. mi ha raccontato che ha provato di usare il simulatore (tapis roulant elettrico che recentemente abbiamo dovuto comprare ai fini di offrirgli una passeggiata anche i giorni del tempo piovoso).Ha cominciato a camminare subito, senza servirsi del supporto - finora non vi era riuscito a causa della perdita di equilibrio. Prima del viaggio ha utilizzato il simulatore solo alla velocità minima del tapis roulant. Oggi ho provato ad aumentare la velocità – e vi è riuscito, sempre senza aiutarsi con le  mani.

In precedenza, a causa del tremore, non poteva tirare fuori i soldi e mettergli nel portafoglio, e ora ha rimesso il resto nel portafoglio quasi senza difficoltà. Non ho capito che denaro era e dove l’ha pagato.

Poi ho saputo che, mentre stavo riposando, N. ha scoperto che il suo telefono cellulare era bloccato, e da solo (e senza bastone) ha  raggiunto il centro pagamenti. E questo centro dista da noi alcune fermate di autobus, poi bisogna camminare a piedi per una distanza considerevole. E ciò nel momento in cui a Mosca c’è la neve e si scivola.

I cambiamenti sono così evidenti che, anche se in futuro, come ci avete avvertiti, ci sarà un peggioramento, abbiamo già motivi sufficienti per affermare, nelle conversazioni con diversi scettici, che non si tratta di un "effetto placebo" o una  "somministrazione di vitamine."

Ora è il turno di N. di riposarsi, ed io mi sono seduta per scrivervi, care Maria Petrovna e Alla Vladimirovna, la nostre BUONE NOTIZIE. Perché abbiamo sentito il vostro atteggiamento affettuoso ai vostri pazienti, e capiamo che i  risultati non vi sono indifferenti.

Non abbiamo avuto nessun minuto di rimpianto di aver scelto la vostra clinica. Proprio tutto il vostro che abbiamo incontrato in qualsiasi momento, ci hanno suscitato un senso di simpatia e ringraziamento per la loro cordialità ed attenzione nei confronti dei pazienti.

Con migliori auguri e cordiali saluti,

L.N.


Fetal stem cells treatment results depend on: disease's severity, age of the patient, adherence for the medications and regime. Treatment results, presented on this site, are individual for each clinical case.