Italiano
+38 068 889 89 89
00380689869898 (汉语)
00380930552240 (باللغة العربية)
00380930552240 (باللغة العربية)
+38 068 889 89 89
Formulario informativo

Our licences

Necessità di uso delle sospensioni contenenti cellule staminali emopoietiche allo stadio iniziale di trattamento delle malattie oncologiche con decorso complicato

Autori: Smikodub A.I., Radzievskaya L.V.

Clinica della terapia cellulare dell'Università medica nazionale e del Centro dei tessuti embrionali "EmCell"

Sono stati tenuti in osservazione 20 pazienti oncologici con età da 35 a 81 anni con diverse complicanze: 5 pazienti con carcinoma dello stomaco, 1 con carcinoma dell'esofago, 3 con carcinoma della cervice uterina, 2 con linfoma non Hodgkin, 5 con carcinoma dell'intestino crasso, 2 con carcinoma della vescica urinaria, 2 con carcinoma dei reni. Tenendo conto delle complicanze sopra indicate realizzare una terapia antitumorale sarebbe impossibile. Si osservavano complicanze seguenti: anemia (il 60 % dei casi), leucopenia (il 20 %), trombocitopenia (il 20 %), cachessia (il 45 %), intossicazione (il 50 %), febbre (il 30 %). Tre pazienti avevano una complicanza, gli altri 17 ne avevano da 2 a 4. Il gruppo campione era composto da 15 pazienti aventi più o meno la stessa età e lo stesso sesso, con localizzazione simile del processo patologico e con le stesse complicanze. Lo scopo del trattamento consisteva nell'eseguire una terapia antitumorale somministrando sospensioni contenenti cellule fetali emopoietiche ai pazienti con complicanze sopra indicate.

Per eseguire il trattamento si usavano sospensioni a base di cellule del fegato fetale aventi il volume da 1,5 a 3,5 ml e un alto contenuto di cellule staminali (cellule nucleate: 50-300x106/ml, CFU-GM: 1-165x105, CFU GEMM: 2.1-9.0x105) ottenute dal feto in 8° - 12° settimana di gestazione.

L'efficacia del trattamanto è stata valutata in funzione della variazione della condizione generale (miglioramento della condizione generale, dell'appetito, del sonno, della capacità lavorativa, l'aumento del peso) e degli indici ottenuti durante gli esami in laboratorio (emoglobina, eritrociti, leucociti, linfociti inclusi CD3+, CD4+, CD8+, CD19+, CD16+, HLA-DR).

Sono stati ottenuti i risultati seguenti: ripristino dei valori di emoglobina e di eritrociti 5-30 giorni dopo il trapianto, dei valori di leucociti dopo 3-7 giorni, dei valori di trombociti dopo 10-20 giorni. Durante il periodo di osservazione (2 mesi) il peso dei pazienti con cachessia è cresciuto di 4,5±1,2 kg. I pazienti riferivano un miglioramento della condizione generale, una riduzione della debolezza e della sudorazione e un miglioramento dell'attività fisica e mentale. Durante il trattamento non si osservavano effetti collaterali. Gli esami immunologici eseguiti nel gruppo principale hanno mostrato un miglioramento degli indici dell'immunità antitumorale.

16 pazienti su 20 (il 80 %) che sono stati sottoposti al trattamento con uso di sospensioni contenenti cellule fetali hanno potuto passare alla terapia antitumorale specifica: 7 pazienti hanno cominciato la polichemioterapia, 3 pazienti - la radioterapia, 6 pazienti – la terapia chirurgica. Nel gruppo campione solo 4 pazienti su 15 (il 26 %) hanno potuto passare alla terapia specifica.

I pazienti che sono stati sottoposti alla terapia cellulare riferivano una migliore tolleranza della chemioterapia e della radioterapia.

L'uso delle cellule staminali fetali nel corso delle fasi iniziali delle malattie oncologiche con decorso complicato consente di cominciare la terapia specifica volta alla destruzione del tumore.

Fetal stem cells treatment results depend on: disease's severity, age of the patient, adherence for the medications and regime. Treatment results, presented on this site, are individual for each clinical case.