Italiano
+38 068 889 89 89
00380689869898 (汉语)
00380930552240 (باللغة العربية)
00380930552240 (باللغة العربية)
+38 068 889 89 89
Formulario informativo

Our licences

Cosa sono le cellule staminali embrionali

Le cellule staminali sono precursori delle cellule specializzate (ad esempio, delle cellule del sangue, della pelle, del fegato, delle mucose ecc.) di cui sono composti i tessuti dell'organismo umano. Dato che le cellule specializzate vivono solo durante un periodo determinato, il numero di esse nell'organismo deve essere costantemente mantenuto. Per sopperire a questo compito esistono le cellule staminali che possono dividersi asimmetricamente: la divisione dà vita ad una cellula identica alla cellula madre assicurando l'autoriproduzione, e la nuova cellula è capace di differenziarsi (trasformarsi) in una cellula specializzata.

Le cellule staminali si distinguono per la loro potenzialità di differenziazione, cioè la capacità di trasformarsi in varie cellule specializzate. L'ovulo fecondato, o zigote, che è all'origine di tutte le cellule dell'organismo, ha la più grande potenzialità di differenziazione. Durante lo sviluppo ulteriore le cellule staminali diventano più specializzate, e la loro potenzialità di differenziazione cala.

La nostra clinica usa cellule staminali embrionali (in vivo) in 7° – 12° settimana di gestazione. La potenzialità di differenziazione di queste cellule è tuttora assai elevata. Esse danno origine a tantissime varietà di cellule specializzate che si formano da foglietti embrionali determinati. Inoltre, le cellule che usiamo hanno la più elevata potenzialità di proliferazione (capacità di dividersi) rispetto ad altre varietà di cellule staminali (cellule staminali adulte, cellule staminali cordonali).

Al tempo stesso le cellule staminali che usiamo hanno già superato la prima fase di specializzazione, hanno perso la capacità di crescita incontrollata e "sanno" esattamente in quale tipo di cellule e di tessuti devono differenziarsi. Pertanto la nostra terapia con cellule staminali non è legata al rischio di formazione di tumori, a differenza dell'uso di cellule staminali embrionali (in vitro) in fase iniziale di sviluppo dell'embrione (4-5 giorni dopo la fecondazione) che conservano ancora la capacità di crescita incontrollata e possono causare teratomi ed altre complicanze.

L'uso di cellule staminali embrionali (in vivo) consente di evitare il rigetto delle stesse dall'organismo del ricevente (problemi di istocompatibilità) perché l'espressione di antigeni di istocompatibilità non è presente in queste cellule oppure è minima. Al tempo stesso le cellule staminali adulte e le cellule staminali cordonali contengono antigeni di istocompatibilità e pertanto occorrono l'attuazione di procedure complicate di selezione del donatore e del ricevitore oppure l'uso dei metodi di immunosoppressione (oppure l'uso di queste cellule per l'autoterapia).

Dopo la 12° settimana di gestazione le cellule staminali vengono sottoposte ad una specializzazione ulteriore formando di conseguenza cellule staminali più specializzate che si trovano non solo negli embrioni ma anche nei neonati e negli adulti. Ad esempio, le cellule staminali emopoietiche che si trovano per la maggior parte nel midollo osseo rispondono della formazione di nuove cellule del sangue in cambio di quelle distrutte. Esse danno origine a due linee di cellule staminali più specializzate che, durante la specializzazione ulteriore, si differenziano fino a formare eritrociti, monociti, linfociti B e T (cellule del sangue rosso e bianco).

Con il crescere dell'età il numero di proprie cellule staminali dell'organismo cala. Se nel neonato c'è una cellula staminale per ogni 10 mila cellule del midollo osseo, nell'adolescente c'è 1 cellula staminale per ogni 100 mila cellule, nell'adulto di 50 anni una cellula staminale per ogni 500 mila cellule e nell'adulto di 70 anni una cellula staminale per ogni 1 milione di cellule del midollo osseo. Pertanto la ricostituzione del pool e l'aumento dell'attività delle proprie cellule staminali è oggi uno dei principali modi di prolungamento della vita umana e della giovinezza, di trattamento di tantissime malattie causate da o risultanti in perdita della massa cellulare.

Introdotte nell'organismo del paziente, le cellule staminali embrionali migrano verso il focolaio di lesione, s'integrano, danno progenie, eseguono la specializzazione controllata dall'organismo ospite, si sostituiscono alle cellule non funzionali o lese favorendo così il ripristino delle funzioni disturbate dell'organismo. Inoltre, les cellule staminali embrionali possono produrre volumi importanti di sostanze biologicamente attive occorrenti all'organismo umano (ad esempio, fattori emopoietici di crescita, interleuchini, fattori di crescita dei nervi, fattori di necrosi tumorale, fattori angiogenici e neurotropici ecc.).


Fetal stem cells treatment results depend on: disease's severity, age of the patient, adherence for the medications and regime. Treatment results, presented on this site, are individual for each clinical case.